I Torzeons

Scoprire il mondo con occhi nuovi

Viaggio alle Azzorre: il curioso caso del Monte Palace Hotel

A me e a un signore francese deve aver fatto più o meno lo stesso effetto. Anche lui sarà arrivato al Miradouro da Vista do Rei nell’isola di São Miguel, nell’arcipelago delle Azzorre al largo del Portogallo, in un giorno soleggiato e si sarà innamorato di questa vista. Avrà avuto l’impressione di essere in uno dei posti più belli del mondo. Solo due differenze: lui arrivò in questo posto alla fine degli anni ’70 e allo stesso tempo aveva un bel po’ di denaro da investire. La sua idea: costruire un lussuosissimo hotel 5 stelle con delle viste mozzafiato, da una parte lo sconfinato Oceano Atlantico e dall’altra la Lagoa das Sete Cidades. Ma qualcosa nei suoi piani è andato storto.

L'ingresso del bar del Monte Palace Hotel

L’ingresso del bar del Monte Palace Hotel

88 stanze dotate di terrazza con vista, due ristoranti, tre sale conferenze, un parrucchiere, una banca, una discoteca, due bar e un’architettura che mirava ad integrarsi con la montagna su cui sorge: il Monte Palace Hotel rappresentava il fiore all’occhiello dell’accoglienza turistica nelle Azzorre. L’inaugurazione è avvenuta nell’aprile 1989. Ma questo signore francese non aveva fatto i conti con due fattori fondamentali. Il primo, le belle giornate di sole, come quella di cui ho avuto la fortuna di godere io, non sono così frequenti; anzi spesso questa montagna è ricoperta dalle nuvole. In secondo luogo ai tempi non c’erano flussi turistici consistenti. In media non arrivavano più di 120 turisti al giorno sull’isola, di cui solo un terzo erano stranieri, il principale mercato di riferimento per una struttura del genere.

Fu così che le lussuose stanze dell’hotel erano quasi sempre vuote e dopo soli 19 mesi l’attività venne chiusa. Da quel momento alcuni sorveglianti con cani controllarono che la struttura non fosse depredata per un totale di 21 anni fino al 2011, anno in cui la società di questo signore francese fallì. Da allora l’edificio è abbandonato e le scorribande di gente che voleva rifarsi l’arredamento di casa hanno portato allo stato attuale delle cose.

La vista suggestiva sulla Lagoa das Sete Cidades dal tetto dell'hotel

La vista suggestiva sulla Lagoa das Sete Cidades dal tetto dell’hotel con Ilan

Ora il vecchio Monte Palace Hotel è una delle mete turistiche più frequentate dell’isola di São Miguel nelle Azzorre. Si entra agevolmente senza alcun impedimento, si possono visitare l’ingresso, le stanze, i bagni, gli uffici, le cucine e salire la scala a chiocciola fino a giungere al tetto. Da qua sopra si può godere di un panorama straordinario. Il tutto facendo molta attenzione a dove si mettono i piedi, alla possibilità – non remota – di cadere nei buchi dove una volta c’erano gli ascensori e guardandosi dai pezzi di soffitto che potrebbero cadere da un momento all’altro.

Ovviamente un luogo del genere dovrebbe essere chiuso per mancanza di requisiti di sicurezza, ma vista la mia attrazione per i luoghi abbandonati (come ad esempio i ruderi di Poggioreale Antica), potevo non entrarci?

La Lagoa Azul e la Lagoa Verde con le loro differenti colorazioni

La Lagoa Azul e la Lagoa Verde con le loro differenti colorazioni

Consigli per i Torzeons

In quest’area dell’isola si possono effettuare diverse camminate di difficoltà medio-bassa. Dopo aver esplorato con attenzione il Monte Palace Hotel, è imperdibile la visita alla Lagoa das Sete Cidades, un lago diviso in due parti, la Lagoa Azul e la Lagoa Verde. Le due sezioni di questo lago di origine vulcanica contengono diverse concentrazioni di alghe, batteri e plancton: a questo sono dovute le due diverse colorazioni. Uno spettacolo da non perdere!

I pescatori all'opera presso la piscina naturale di Mosteiros

I pescatori all’opera presso la piscina naturale di Mosteiros

E poi noleggiate un’auto e dedicatevi all’esplorazione in lungo e in largo dell’isola, alla ricerca dei migliori panorami sull’oceano, dei laghi dell’entroterra, delle fonti termali disseminate in tutta l’isola e i caratteristici paesini.

Le sorgenti termali naturali di Caldeira Velha, le cui piscine contengono acque che raggiungono i 38 gradi di temperatura

Le sorgenti termali naturali di Caldeira Velha, le cui piscine contengono acque che raggiungono i 38 gradi di temperatura

I riflessi della Lagoa das Empadadas

I riflessi della Lagoa das Empadadas

La Lagoa do Fogo, lago vulcanico al centro dell'isola

La Lagoa do Fogo, lago vulcanico al centro dell’isola

Le mucche azzorriane, dalle quali abitanti del luogo ricavano latte e carne di ottima qualità

Le mucche azzorriane, dalle quali abitanti del luogo ricavano latte e carne di ottima qualità

In cammino nel verde dell'isola con Hector

In cammino nel verde dell’isola con Hector

Markin

Markin

Amante della libertà, ma indissolubilmente legato all'amato Friuli. Gran sognatore, ma con i piedi ben fissati a terra. Analizza le situazioni razionalmente, ma prende le decisioni d'istinto. Dalle apparenze tranquille, ma in uno stato di continua irrequietudine.
Insomma, un bel casino. Prova a schiarirsi le idee viaggiando.
Markin

Latest posts by Markin (see all)

Previous

Atene: la città dei destini incrociati

Next

Sospeso a mezz’aria


Notice: Use of undefined constant comment - assumed 'comment' in /home/mhd-01/www.torzeons.com/htdocs/wp-content/themes/lovecraft/comments.php on line 15
1
Notice: Use of undefined constant comment - assumed 'comment' in /home/mhd-01/www.torzeons.com/htdocs/wp-content/themes/lovecraft/comments.php on line 16
Comment

  1. manuel

    un estado de conciecia muyy
    especiallll

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.     Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi