I Torzeons

Scoprire il mondo con occhi nuovi

Month: settembre 2016

Cabo de São Vicente, terra di dove finisce la terra

Dopo una settimana in Andalusia, preparo lo zaino mettendo nella parte superiore il costume da bagno. Sul bus che da Siviglia porta in Algarve incrocio adulti e bambini con infradito e secchielli: Oceano Atlantico, stiamo arrivando! Fra le varie cittadine di mare presenti in questa regione ho scelto Lagos, incuriosita dalle sue spiagge e dalla vicinanza a un luogo molto interessante: Cabo de São Vicente.

Cabo de São Vicente.

Cabo de São Vicente.

Read More

Due friulani tra i laghi del nordest #2

Ricordate che nell’articolo precedente anticipai qualcosa riguardante i post-it?

Ecco, dovete sapere che fin da quando ero piccina mio nonno mi raccontava di un lago, su, al confine con la Svizzera, dal quale emerge un campanile. Niente di cui meravigliarsi fin qui, più che altro la peculiarità è il fatto che vi sia un intero paese sommerso e tutto ciò che noi possiamo vederne è il campanile. Ne ho sentite di storie a riguardo – credo fosse in effetti il campanile più citato nei racconti di mio nonno dopo il campanile di Mortegliano, e quindi potrete capire, dall’alto dei miei 24 anni, la necessità quasi maniacale di dare uno sguardo a questo lago col campanile.

All’alba del sesto giorno del nostro viaggio, partiti da una delle tante Vezzano presenti in Trentino, dopo tre ore e mezza di auto siamo finalmente giunti ad uno dei luoghi più belli che io abbia mai visto in vita mia – e vi dirò che il campanile non è nulla a confronto.

Il lago di Resia nella sua maestosità.

Il lago di Resia nella sua maestosità.

Read More

Due friulani tra i laghi del nordest #1

Mettete una sera due ragazzi annoiati di fronte al computer, uno seduto sul letto in un appartamento di dubbio gusto di Kiev (nella traslitterazione russa, anche se sarebbe più corretto scrivere Kyiv nella traslitterazione ucraina) mentre scorre le pagine di Tumblr, l’altro a fantasticare nella sua stanza in un paesino mezzo sperduto della campagna friulana.
Mettete che il secondo ad un certo punto cominci a parlare dei progetti per le sue ferie estive al primo, che esordisca dicendo «pensavo di fare il giro del lago di Garda», e che il primo, mosso dalla nostalgia per la propria madre patria gli risponda casualmente «wow, voglio venire anch’io!». Ed ecco che avrete due friulani che con minuziosa cura sono riusciti, a 1800km di distanza, a programmare le proprie ferie estive nello stesso periodo e a pianificare un viaggio di 9 giorni alla scoperta dei laghi – e non solo – del nordest italiano.

io ed il lago di Garda ai miei piedi.

Io ed il lago di Garda ai miei piedi.

Read More

Alla scoperta della Costa d’Avorio. Daloa e i suoi sapori

L’Africa è un tripudio di colori, suoni e odori. La terra rossa, i vestiti coloratissimi delle donne, il vociare dei mercanti sulle strade, gli schiamazzi dei bambini che giocano e quegli odori forti che si propagano per la città. La cultura di un popolo è anche il cibo e chi meglio di noi italiani, così orgogliosi della nostra cucina, può dirlo? Il cibo credo sia una parte fondamentale dei viaggi e non solo per conoscere nuovi sapori ma soprattutto per i rapporti che si creano attorno ad un tavolo. Quindi quale modo migliore per entrare in contatto con gli ivoriani se non mangiare assieme a loro?

14257580_10210317105226630_6370272693103899419_o

Read More

Couchsurfing come Tinder?

Couchsurfing è un termine buffo che si può interpretare come “fare surf sul divano”, o anche “fare surf usando un divano”. Lasciando da parte l’immagine bizzarra e donchisciottesca che ne può risultare – non credo che un divano sia particolarmente idrodinamico – al momento attuale il couchsurfing è una pratica ancora molto usata, ma forse già in declino, tra i viaggiatori fricchettoni e squattrinati. Consiste nell’offrire ospitalità, gratuitamente, in casa propria (sul divano) e nel poterla chiedere ad altri. L’idea di fondo è che in questo modo è possibile viaggiare a basso costo, con il valore aggiunto di conoscere i “locals”, cioè le persone del luogo in cui si va. La moneta di scambio non è il vil denaro, ma la simpatia, la disponibilità, lo scambio culturale ed umano. a-non-tutti-piace

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.     Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi