I Torzeons

Scoprire il mondo con occhi nuovi

Month: febbraio 2016 (Page 1 of 2)

Un tè a Sarajevo

Lunghi capelli bianchi, anello all’orecchio e tunica nera. Una voce calda, profonda e sonora. Un paio di occhi azzurri che raccontano di anni di vita vissuta, di chilometri, di avventure, di guai e di donne: quello sguardo profondo che solo in pochi si sono saputi costruire, a forza di vivere. Non so voi, ma io l’alchimista di cui parla Coelho me l’ero immaginato esattamente così. L’uomo che ci accoglie durante la nostra prima serata a Sarajevo si chiama Husein e potrebbe essere l’alchimista.

DSC01982

Read More

Strade diverse, stessa destinazione.

L’ultima sera spesa a Baia Mare, Romania, fu all’insegna di birra Ursus e discorsi su musica britannica, compositori francesi, il senso della vita e quant’altro ne possa conseguire, tra un ragazzo armeno, uno polacco, due slovacchi e la sottoscritta. E ad un certo punto il ragazzo polacco se ne uscì dicendo “non focalizzarti sui dettagli”, che divenne nel corso delle settimane uno dei miei motti. Perché le persone, disse lui, tendono a focalizzarsi troppo sul superfluo e sul superficiale invece di apprezzare l’insieme dei momenti e delle persone che li popolano, di guardarsi intorno ed ammirare ciò che altrimenti non noterebbero nemmeno. E questo concetto pervade anche il mio approccio con la fotografia, dandomi la capacità di focalizzarmi sui particolari sempre in relazione a ciò che li circonda, ed è quello che cerco di fare quando ritraggo delle persone, prettamente coloro con cui condivido le mie esperienze.

Scatto rubato per le vie di Baia Mare, Romania.

Scatto rubato per le vie di Baia Mare, Romania.

Read More

I Torzeons nella tranquillità di Sajama

Vi è mai capitato di essere uno dei pochissimi viaggiatori presenti in una località? Beh, nei miei tre giorni trascorsi all’interno del Parque Nacional Sajama sono stato uno dei sette stranieri nel primo villaggio che ho visitato (gli altri sei erano tutti francesi) e l’unico ospite nel secondo. Se poi si considera che questi villaggi sono popolati da non più di qualche centinaio di abitanti nel primo caso e da qualche decina nel secondo, allora si ha proprio la sensazione di essere continuamente al centro dell’attenzione. Ma io non me ne sono curato più di tanto, assorto nella contemplazione della montagna più alta della Bolivia, il Sajama, con i suoi 6.542 metri.

L'imponenza del monte Sajama, 6.542 metri.

L’imponenza del monte Sajama, 6.542 metri.

Read More

Il magico mondo dell’autostop

Nell’immaginario comune fare autostop è una pratica rischiosa, un po’ fuori moda e riservata a biondissimi e giovanissimi viaggiatori americani o tedeschi, con grossi zaini e la pelle arrossata. Dopo 10 mesi in Romania ho potuto rivalutare questa idea.

Direzione Oradea!

Direzione Oradea!

Read More

Ricordi portoghesi #3: Azzurro Portogallo.

In questo terzo post sul Portogallo, tenterò di portarvi in giro per Lisbona e Porto seguendo le sfumature di un’ideale tavolozza di quello che, secondo me, rappresenta una delle componenti dominanti di queste città: il colore azzurro. Anzi, azul, per immergerci ancor meglio nell’atmosfera. L’itinerario è molto fantasioso (anche solo per la distanza delle due città) ma il bello dei ricordi consiste anche nel loro mescolarsi dando vita ad associazioni di pensiero originali.

Lisbona

Read More

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.     Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi